Gen 252011
 

di GIANLUCA DOMENICHELLI

VOGLIONO vederci chiaro sui dati che riguardano l’incidenza dei tumori sulla popolazione, a quanto pare superiori alla media. E per farlo hanno affidato un incarico a un docente universitario pisano, annunciando di voler tenere «sotto controllo» gli enti e le istituzioni locali incaricate di badare alla salute dei cittadini e dell’ambiente. Sono i propositi dell’associazione Lavoro, ambiente e salute appena costituita a Scarlino da una trentina di soci fondatori. «L’idea — spiega il presidente pro-tempore, Antonio Pavani — è nata perché tra la popolazione c’è preoccupazione per l’alto numero di tumori che si registrano da queste parti. E il timore, ovviamente, è legato allo stato dell’ambiente. Abbiamo controllato i dati Istat e il sito internet della Regione, notando che la provincia di Grosseto dal 2000 al 2008 ha fatto registrare la più alta incidenza di tumori in Toscana (366 casi all’anno) e il maggior tasso di mortalità ogni 100mila abitanti. Numeri che ci hanno allarmato. Per questo abbiamo chiesto a un docente della Scuola di specializzazione in Patologia clinica dell’Università di Pisa di compiere alcune verifiche rivolgendosi all’Asl di Grosseto: abbiamo ricevuto risposte tranquillizzanti ma non ci basta, vogliamo approfondire l’argomento». Gli esami sono appena cominciati. «Intendiamo muoverci secondo tre linee d’azione. A cominciare — puntualizza Pavani — dal costruire un rapporto costruttivo con le istituzioni locali, per poter disporre di un flusso di informazioni. E per acquisire i dati, in particolare quelli che riguardano la salute della popolazione e l’inquinamento del territorio, intendiamo rivolgerci agli enti preposti: Asl, Arpat. E naturalmente vogliamo tenere d’occhio chi ha il compito di provvedere ai controlli, perché vogliamo conoscere i dati reali e pretendiamo che in questo territorio non si verifichino più episodi gravi o sospetti. I nostri piani, nell’immediato, prevedono di completare uno studio dettagliato sullo stato di salute della popolazione nel comprensorio». Chi vuol aderire all’associazione Lavoro, ambiente e salute (che si dichiara apolitica) può trovare tutte le informazioni sul sito internet www.lavoroambienteesalute.it.

Fonte: La Nazione del 12/01/2011

  1 Commento to “«Troppi tumori, serve uno studio» A Scarlino nasce un’associazione che intende tutelare la popolazione. E c’è un esperto”

  1. Per favore raccontateci la verità

 Lascia un commento

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(richiesto)

(richiesto)

*

code